Di che colore è il vento?

[Anne Herbauts (testo e illustrazioni), Gallucci, 2015. Età di lettura: dai 5 anni.]

copertina

Può un libro essere molto più che poetico, molto più che una poesia densa di figure retoriche, può essere esso stesso una sorta di grande figura retorica? Può.

Per me “Di che colore è il vento” è una bellissima e lunghissima sinestesia. Non sto alludendo a più o meno facili accostamenti di parole. No. Sto parlando di un libro che riesce a coinvolgere i sensi, di un libro da accarezzare e toccare, di un libro da guardare, ad occhi aperti e chiusi, di un libro che ci fa cogliere odori e profumi, di un libro di cui non si ascoltano solo le parole ma anche il rumore di fondo. Il vento.

Che colore ha il vento? – si chiede un bambino, un “piccolo gigante” con gli occhi chiusi e un sorriso a dipingergli il volto di un’aura di pace. Non lo sa, così esce a domandarlo alla natura, agli animali, a un villaggio fatto non di persone ma di una finestra, di tende e insegne e di panni stesi ad asciugare.

Chi può saperlo meglio di coloro che conoscono il vento sin da quando sono nati! Ognuno dà la sua risposta, soggettiva e carica di significato, che quasi viene recitata, come in una poesia che però non ricorre a rime o artifici poetici, ma che vuole farci provare sensazioni.

1. lupo.jpg

Per il cane il vento ha un colore fiorito, per il lupo “l’odore brusco / del bosco”. La finestra gli risponde che il vento “ha il colore del tempo”. Già – ma che colore ha il tempo? – pensiamo noi.

Ogni pagina ci spinge a toccare, a chiudere gli occhi per poi riaprirli. La carta a volte è liscia, altre è ruvida, rigata, graffiata, punzonata, usata a collage, impiegata e messa alla prova in tutta la sua natura più concreta e materiale. Le dita scorrono su di essa senza trovare mai riposo e appagamento.2. tende.jpg

E poi i colori. Pagine con colori lucidi, come di smalto; pagine con grumi di colore che rendono irresistibile l’impulso di toccare, di passarci sopra le dita; tinte perfette, stese in maniera meticolosa; tinte che si mescolano ad altre e si (e ci) confondono.

Il bambino va per la sua strada e incontra una montagna, la pioggia, le api, un ruscello.

3. api.jpg

Si siede sotto a un grande albero, ripete la sua domanda: “di che colore è il vento?”.

“Un colore come di zucchero a velo,/ mormora il vecchio melo”. Non ne vedete il colore, non ne sentite il sapore in bocca? Io sì. Anne Herbauts (l’autrice è lei) ci fa toccare quella pianta saggia, col suo tronco rugoso e segnato dal tempo. In quel prato, accanto al bambino, d’improvviso ci siamo anche noi.

La ricerca continua e il bambino, sempre ad occhi chiusi, tenta invano di interrogare un pettirosso, che in quel mentre vola via.

E’ la volta di un signore, un gigante come lui, ma più grande. Tocchiamo i bottoni della sua giacca, siamo anche noi di fronte a lui, in attesa. La sua risposta offre ai nostri sensi l’ennesima chiave per gustare appieno questo libro, l’ultima e più sorprendente.

4. bottoni.jpg

“La risposta, ti dico, è tutta in questo libro.” Così in una pagina compare la sua grande mano (e la nostra va di getto sopra la sua) e coi pollici inizia a sfogliare veloce le pagine. Eccolo il vento, coi suoi colori, la sua carezza gentile e il suo profumo. Ecco il vento per chi può vedere con gli occhi e per chi – come il bambino – vede solo con la fantasia.

E’ cieco? Forse sì, anzi molto probabilmente è proprio così. Ciò però non gli impedisce di chiedere e immaginare, di ascoltare pazientemente le impressioni di ognuno e trovare una risposta che sia solo sua, di incontrare il vento e perdercisi dentro, di farsi avvolgere da esso, come nell’immagine di copertina, al punto che di lui non rimangono che il volto, sereno e concentrato e i suoi stivaletti.

Se guardiamo nuovamente il libro con più attenzione, troveremo lo stampo delle dita dell’uomo su ogni pagina. Le ha fatte scorrere una per una, perché nessuna sensazione andasse persa.

“Non si vede il vento,/ si sente ciò che rende./ Non si sente il vento,/ si vede ciò che prende.” Recita una specie di tiritera all’inizio del libro. Questo libro mi ha preso il cuore. Mi ha folgorata. Un libro che non è solo un libro, che non è solo poesia di parole e immagini.

Un libro che è un viaggio dentro e fuori da noi, un albo che è arte, che dona emozioni e chiede in cambio che noi ci emozioniamo con lui.

«Lego sempre parola e immagine.» – scrive di sé Anne Herbauts – «Quel che chiamo “scrittura” è testo e immagine insieme, composti l’uno nell’altro.» Non poteva essere che così. Come in una riuscitissima performance d’arte contemporanea, usciamo dall’esperienza di questo libro più ricchi, cambiati, più attenti ad alcune delle cose che ci circondano.

Se questo albo è adatto ai bambini? Certo che sì! Loro, che non sono trattenuti da inibizioni e freni, potrebbero anzi rivelarci nuove vie per gustare questo libro. Potrebbero addirittura essersi chiesti e sapere già da qualche tempo quale sia, per loro, il colore del vento.

Questo post è stato pubblicato anche nel blog http://www.ricominciodaquattro.com, con il quale collaboro. Lo trovate cliccando su questo link

Buona lettura,

Maria Salbego

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...